Istituto Comprensivo Statale Michelangelo Buonarroti di Sperlonga (LT)
Scuola dell'Infanzia - Primaria - Media - Via Valle - 04029 Sperlonga (LT) Telefax: 0771 54.83.78
Cod. Mecc. LTIC81000B - C. F. 90027850594 - E-mail: ltic81000b@pec.it
Dirigente Scolastico reggente
Prof. Maurizio Trani
CERCA NEL SITO

MENU
Home Page
Notizie
Download
Album
Newsletter
Links
Forum

IDENTITÀ
Documenti
POF 2011-12
Progetti 2011-12
Carta dei servizi
Regolamento d'Istituto
Giunta Esecutiva
Consiglio d'Istituto
Organigramma
Docenti
Contratto d'Istituto 2011-12
Come raggiungerci
Per contattarci

ALBUM
1939/40 - classe VB
1939/40 - classe VB
Tutte le Foto

NEWSLETTER
Newsletter dell' Istituto Comprensivo Statale Michelangelo Buonarroti di Sperlonga (LT)Lascia la tua email. Verrai informato sulle novità del sito.

Fortic
Punto Edu
Banca dati Indire
Rai Educational
Divertinglese
Indire

Scuola e Giovani
- Medicina, test copiato dal web? Boom sospetto di ricerche su Wikipedia durante le ore del concorso
- Scuola, i presidi in sciopero della fame: "Costretti a fare i burocrati, la misura è colma"
- Ottanta prof di tutto il mondo contro i Test Ocse-Pisa
- Università, la metà dei laureati italiani pronta a lavorare all'estero
- Fondi alle scuole private, la svolta M5S
- Statale di Milano, blitz degli studenti interrompe il voto sul numero chiuso: contestato il rettore
- Giovani divisi sulla pena di morte. Ecco cosa pensano
- Scuola, la preside che ha eliminato il voto in condotta: "Distrae dal problema bullismo"
- Maturità: a sorpresa crescono i "privatisti", e non solo nei diplomifici
- Scuola, annuncio dal governo: in estate via a 52mila assunzioni

Home » News » Docenti » I prof dicono addio ai mega-co...
mercoledì 10 agosto 2005 Docenti
I prof dicono addio ai mega-concorsi
Dal 2006 cambia la professione, con lauree a numero chiuso
Concorsi pubblici addio. Per accedere alla professione docente dal 2006 sarà necessario laurearsi in facoltà a numero chiuso e superare un esame di stato.

Come per ingegneri, giornalisti, medici, tanti liberi professionisti insomma, anche per gli insegnanti dunque niente più concorsi epocali, per attesa e tassi di partecipazione, vissuti ogni volta come l'ultima scialuppa per conquistare il sospirato posto fisso nella pubblica amministrazione.

Arrivano corsi universitari programmati in base alle effettive esigenze e albi regionali da scorrere, in base ai punteggi, per assegnare prima i contratti di formazione lavoro e poi i contratti a tempo indeterminato.

Dall'anno prossimo anche i docenti sui banchi! Gli insegnanti si confermano la categoria più esaminata del pubblico impiego... Il nuovo meccanismo di selezione è previsto dal decreto del ministero dell'istruzione sulla ´formazione iniziale e accesso all'insegnamento' approvato la scorsa settimana dal consiglio dei ministri. Un testo che si attendeva da ormai cinque mesi e che il ministro dell'istruzione, Letizia Moratti, ha deciso all'ultimo momento di portare a palazzo Chigi nonostante la mancata acquisizione del parere in Conferenza stato-regioni.

Il decreto rischiava di non essere approvato in tempo utile per la scadenza della delega prevista per metà ottobre, facendo così saltare uno dei passaggi attuativi più importanti della riforma della scuola, la legge n. 53/2003. Dopo il via libera del governo, infatti, il provvedimento dovrà andare in parlamento per acquisire, entro 60 giorni, il parere delle competenti commissioni, per poi essere varato definitivamente dal consiglio dei ministri.

Per baipassare la Conferenza, il provvedimento è stato asciugato di un comma, il comma 5 dell'articolo 2 che recitava: ´Per l'accesso all'insegnamento nei percorsi di istruzione e formazione professionale, le regioni possono avvalersi anche del canale formativo di cui al presente decreto legislativo, in connessione con apposite procedure concorsuali disciplinate dai rispettivi ordinamenti'.

Viene così eliminata la riforma dell'abilitazione all'insegnamento per il canale della formazione professionale, che è materia di competenza regionale. Ma non è escluso che possa essere reinserita in un secondo momento, quando le regioni decideranno la loro posizione in merito.

Il provvedimento ha l'obiettivo di evitare nuovo precariato. I docenti che si abiliteranno dal prossimo anno, e potranno dunque esercitare la professione in una scuola statale, potranno far affidamento su una programmazione: il fabbisogno di insegnanti rilevato ogni anno a livello regionale, accresciuto di un 10%, darà luogo al numero di posti da mettere in gara per la formazione universitaria evitando in questo modo di avere più insegnanti del necessario.

La preselezione è affidata agli stessi atenei. Due i canali in cui si dividono le discipline, che alla fine danno diritto al rilascio della laurea magistrale o del diploma accademico di secondo livello.

Il docente è abilitato all'insegnamento ´previa valutazione positiva del tirocinio, con la discussione della tesi e il superamento di un esame di stato, costituito da apposite prove aventi anche valore di prove concorsuali, secondo modalità definite con decreto del ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca'.

Sarà sempre il dicastero di viale Trastevere a stabilire, con uno o più decreti, le classi dei corsi di laurea magistrale, il profilo formativo e professionale dell'insegnante, le attività didattiche, comprensive di laboratori e tirocinio, i crediti distinti per i settori scientifico-disciplinari (´in misura pari all'80% dei complessivi 120 crediti formativi universitari, di cui non più del 25% dell'area pedagogico-professionale, in modo da garantire, al termine del percorso formativo, l'acquisizione del profilo formativo e professionale del docente').

I prof così abilitati saranno finalmente ammessi, a cura degli uffici scolastici regionali e in base al voto conseguito all'esame di stato, nelle apposite graduatorie, per ciascuna classe di abilitazione.

Nell'ambito del contingente autorizzato per le assunzioni del personale docente, il direttore scolastico regionale provvederà all'assegnazione alle scuole degli aspiranti prof in posizione utile, ´tenendo conto delle preferenze espresse dagli stessi'. Su quel contingente non sarà possibile procedere con supplenze.

Prima però di arrivare a firmare il contratto a tempo indeterminato, l'interessato dovrà superare il primo anno di formazione lavoro, della durata non inferiore ai 180 giorni. 'Compiuto l'anno di applicazione', recita il comma 6 dell'articolo 5, ´il docente abilitato discute con il comitato per la valutazione del servizio una relazione sulle esperienze e attività svolte e adeguatamente documentate'.

Se il giudizio del comitato è favorevole, il dirigente scolastico stipula direttamente il contratto. La nomina vincola l'insegnante a prestare servizio, almeno per tre anni consecutivi, nella stessa sede. Se l'esito della valutazione è invece negativo, dovrà ripetere l'anno di formazione.


Fonte: Italiaoggi


1823 letture
archivio news pagina stampabile invia in email
ALUNNI
News
Repubblica@Scuola
Buonarroti Repubblica@Scuola
Video
In scena...

GENITORI
News
Genitori eletti scuola media 2011-12
Genitori eletti scuola primaria 2011-12
Genitori eletti scuola infanzia 2011-12
Libri di testo primaria 2011-12
Libri di testo media 2011-12

DOCENTI
News
Piano delle attività scuola secondaria 2011-12
Piano delle attività scuola primaria 2011-12
Piano delle attività scuola infanzia 2011-12
Orario scuola secondaria 2011-12
Orario scuola primaria 2011-12

News
Albo

INAUGURAZIONE CAMPO SPORTIVO DI SPERLONGA
31 marzo 2012
Albo

XII Convegno nazionale dei mini sindaci dei Parchi d' Italia
27 marzo 2012
Albo
Direttiva 14-2011 - Decertificazione
02 marzo 2012
Albo

Contratto d'Istituto 2011-2012
12 gennaio 2012
Albo

Natale al settimo cielo
09 dicembre 2011
Diritti e doveri
Assenze per malattia, modalità di certificazione e controlli
19 novembre 2011
Docenti
PIANO ATTIVITA' SCUOLA SECONDARIA I GRADO
19 novembre 2011
Albo
CONSIGLI DI INTERCLASSE SC. PRIMARIA
19 novembre 2011
Diritti e doveri
Adempimenti e disposizioni Ata
19 novembre 2011
Docenti

ORARIO DOCENTI SCUOLA SEC. I GRADO
19 novembre 2011

News Tutte le News

login amministratori
Accesso riservato agli amministratori

Copyright © 2017 Istituto Comprensivo Statale Michelangelo Buonarroti di Sperlonga (LT)
Via Valle, snc - 04029 Sperlonga (LT) tel: 0771 548378-548618 info: info@icsperlonga.it
ultimo aggiornamento: giovedì 31 maggio 2012, 2.037.886 hits dal 26/11/2004, di cui 148 oggi e 751 ieri. Ci sono 9 visitatori online adesso.
Web site engine's code (PML) is Copyright © 2003 - 2017 by LiveWeb.iT
Amministratore: IC «Buonarroti»


Valid XHTML 1.0! Valid CSS! W3C WAI-A