Istituto Comprensivo Statale Michelangelo Buonarroti di Sperlonga (LT)
Scuola dell'Infanzia - Primaria - Media - Via Valle - 04029 Sperlonga (LT) Telefax: 0771 54.83.78
Cod. Mecc. LTIC81000B - C. F. 90027850594 - E-mail: ltic81000b@pec.it
Dirigente Scolastico reggente
Prof. Maurizio Trani
CERCA NEL SITO

MENU
Home Page
Notizie
Download
Album
Newsletter
Links
Forum

IDENTITÀ
Documenti
POF 2011-12
Progetti 2011-12
Carta dei servizi
Regolamento d'Istituto
Giunta Esecutiva
Consiglio d'Istituto
Organigramma
Docenti
Contratto d'Istituto 2011-12
Come raggiungerci
Per contattarci

ALBUM
3A e 3B, aprile 2006
Matelica 2006
3A e 3B, aprile 2006
Tutte le Foto

NEWSLETTER
Newsletter dell' Istituto Comprensivo Statale Michelangelo Buonarroti di Sperlonga (LT)Lascia la tua email. Verrai informato sulle novità del sito.

Fortic
Punto Edu
Banca dati Indire
Rai Educational
Divertinglese
Indire

Scuola e Giovani
- Efficienti e aperte al mondo, ecco le università migliori d'Italia
- Al via Rep@Digital: educazione civica per il web con Google e Repubblica@Scuola
- Il sito di alternanza scuola-lavoro di Repubblica
- Accordo nel governo, salvate le maestre con il diploma magistrale
- Università a numero chiuso, aumentano i posti: 800 in più per Medicina
- Scuola, maestre trasferite con diritti inferiori alla collega con la figlia disabile: il giudice condanna il Miur
- Eliminata la chiamata diretta dei docenti, firma Miur-sindacati
- La protesta degli aspiranti presidi: "Spostate il concorso, stiamo facendo la Maturità"
- L'Erasmus dei prof: 3.330 insegnanti partono per l'Europa
- Le università nel Nord piacciono di più. E il 70% dei neolaureati trova subito lavoro

Home » News » Genitori » A rischio circa 2000 scuole de...
lunedì 04 agosto 2008 Genitori
A rischio circa 2000 scuole dei comuni più piccoli
La maggior parte dei centri con meno di 5.000 abitanti si trovano al Nord Ipotizzabili pesanti ripercussioni sulla vita quotidiana delle famgilie
A RISCHIO le scuole dei piccoli comuni.
Nel giro di tre anni circa 2 mila istituzioni scolastiche potrebbero "chiudere o essere accorpate".
Risultato: per gli alunni dei centri con meno di 5 mila abitanti frequentare la scuola potrebbe diventare una specie di rompicapo: sveglia all'alba e trasferimento in pullman (bene che vada) a scuola. Se i comuni e le province non potranno mettere a disposizione nessun mezzo di trasporto, del tutto si dovranno far carico le famiglie.


È uno dei tanti effetti del decreto legge 112, collegato alla manovra finanziaria per il 2009, già varato dalla Camera e in attesa soltanto dell'ok da parte del Senato.

Un comma dell'articolo 64, dall'innocuo titolo "Disposizioni in materia di organizzazione scolastica", parla chiaro: "Nel caso di chiusura o accorpamento degli istituti aventi sede nei piccoli comuni, lo Stato, le Regioni e gli enti locali possono prevedere specifiche misure finalizzate alla riduzione del disagio degli utenti".

Possono. Ma se non possono, l'eventuale chiusura del plesso scolastico si ripercuoterà sul menage familiare. Come la prenderà il leader della Lega, Umberto Bossi - che nel giro di pochi giorni ha tuonato prima contro il ministro dell'Istruzione, Mariastella Gelmini, e successivamente contro gli insegnanti meridionali - questa volta? Già perché le regioni nelle quali il provvedimento rischia di stravolgere la vita a milioni di persone sono proprio quelle del Nord.

Ma andiamo con ordine. Nei prossimi tre anni, per alleggerire la spesa della Pubblica amministrazione, la scuola dovrà lasciare sul campo 87 mila posti di insegnante e 42 mila e 500 di Ata (personale amministrativo, tecnico e ausiliario). Sono previsti alcuni interventi strutturali non ben definiti (il ritorno al maestro unico alle elementari?) e non viene esclusa una nuova "razionalizzazione della rete scolastica italiana" che tradotto dal burocratese significa tagliare e accorpare scuole.

L'obiettivo è quello risparmiare riportando all'interno del "intervallo virtuoso" il numero di alunni delle singole scuole: tra 500 e 900 alunni, appunto. Per via della situazione geografica italiana sono parecchie le scuole dei piccoli centri che assicurano il servizio a "pochi alunni": basti pensare a Ustica.
Nel 2002, l'allora ministro dell'istruzione, Letizia Moratti, fece compilare una "lista nera" di 2 mila istituzioni scolastiche fortemente sottodimensionate (con meno di 500 alunni) che suscitò le vibranti polemiche dei sindacati e delle associazioni. Non se ne fece nulla, ma questa volta il governo Berlusconi sembra più deciso.

In Italia, secondo l'ultimo censimento, i piccoli comuni sono 5.836: il 72 per cento del totale. Sono poco più di 10 milioni gli abitanti che risiedono nei piccoli centri e nella maggior parte di essi (nel 60 per cento, secondo un calcolo di Legambiente) c'è almeno un plesso di scuola primaria (elementare) e di scuola media che rendono la vita meno complicata a milioni di famiglie. Ma in futuro potrebbe non essere più così perché per ridurre drasticamente le cattedre occorre tagliare le classi e alcune scuole potrebbero appunto chiudere.
Anche la distribuzione dei piccoli comuni lungo lo Stivale non è omogenea. La maggior parte (il 59 per cento) si addensa nelle otto regioni del Nord. Quelli ubicati nelle regioni del Centro sono appena 642 (l'11 per cento) e al Sud se ne contano poco meno del 30 per cento (1.740 per la precisione).
Il provvedimento, così, rischia di penalizzare soprattutto le regioni settentrionali che, essendo le più "montuose", sono più ricche di piccoli centri.

Fonte: SCUOLA & GIOVANI

1 agosto 2008

di Webmaster

1637 letture
archivio news pagina stampabile invia in email
ALUNNI
News
Repubblica@Scuola
Buonarroti Repubblica@Scuola
Video
In scena...

GENITORI
News
Genitori eletti scuola media 2011-12
Genitori eletti scuola primaria 2011-12
Genitori eletti scuola infanzia 2011-12
Libri di testo primaria 2011-12
Libri di testo media 2011-12

DOCENTI
News
Piano delle attività scuola secondaria 2011-12
Piano delle attività scuola primaria 2011-12
Piano delle attività scuola infanzia 2011-12
Orario scuola secondaria 2011-12
Orario scuola primaria 2011-12

News
Albo

INAUGURAZIONE CAMPO SPORTIVO DI SPERLONGA
31 marzo 2012
Albo

XII Convegno nazionale dei mini sindaci dei Parchi d' Italia
27 marzo 2012
Albo
Direttiva 14-2011 - Decertificazione
02 marzo 2012
Albo

Contratto d'Istituto 2011-2012
12 gennaio 2012
Albo

Natale al settimo cielo
09 dicembre 2011
Diritti e doveri
Assenze per malattia, modalità di certificazione e controlli
19 novembre 2011
Docenti
PIANO ATTIVITA' SCUOLA SECONDARIA I GRADO
19 novembre 2011
Albo
CONSIGLI DI INTERCLASSE SC. PRIMARIA
19 novembre 2011
Diritti e doveri
Adempimenti e disposizioni Ata
19 novembre 2011
Docenti

ORARIO DOCENTI SCUOLA SEC. I GRADO
19 novembre 2011

News Tutte le News

login amministratori
Accesso riservato agli amministratori

Copyright © 2018 Istituto Comprensivo Statale Michelangelo Buonarroti di Sperlonga (LT)
Via Valle, snc - 04029 Sperlonga (LT) tel: 0771 548378-548618 info: info@icsperlonga.it
ultimo aggiornamento: giovedì 31 maggio 2012, 2.299.781 hits dal 26/11/2004, di cui 300 oggi e 1.278 ieri. Ci sono 8 visitatori online adesso.
Web site engine's code (PML) is Copyright © 2003 - 2018 by LiveWeb.iT
Amministratore: IC «Buonarroti»


Valid XHTML 1.0! Valid CSS! W3C WAI-A